lo spirito del natale

In questi tempi bui dove il terrorismo e le guerre inquietano i nostri animi, avremmo proprio bisogno di recuperare il cosiddetto spirito del natale.

Con questa locuzione si intende quel sentimento di gioia interiore e di armonia con le persone che ci circondano durante i periodi festivi, in particolar modo nel periodo natalizio. In questo periodo difatti riscopriamo la gioia di condividere il proprio tempo con parenti e amici, l’ottimismo in un futuro roseo, il sentimento appagante di pensare e poi comprare un regalo specifico per ogni persona che amiamo.

Preparare insieme ai propri figli, o insieme al proprio genitore (dipende dai punti di vista), l’albero di natale con tutte le splendenti decorazioni, le luci sfavillanti e i cioccolatini impacchettati in modi sempre diversi e accattivanti, creare la scenografia complessa del presepe con tutte le marionette dei santi, dei re magi, con le cascate semi-reali attivate con un motorino elettrico e con gli animali, ci riporta in una sorta di bolla che ci ripara dalle quotidiane difficoltà a cui la vita ci sottopone. In realtà chi avverte veramente lo spirito del natale sono proprio i più piccini e le loro emozioni reali si propagano anche agli adulti che ne possono ammirare la gioia e al contempo ricordarsi di come anche loro da bambini fossero in quello stato di assoluta felicità.

Alcuni di noi legano i ricordi dello spirito del Natale ad alcuni libri classici come “Il canto di Natale” di Charles Dickens, la storia del ricco e avaro Ebenezer Scrooge che viene visitato dagli spettri del Natale passato, del Natale presente e del Natale futuro.

Queste visite scuoteranno il vecchio Scrooge e lo indurranno a cambiare il proprio destino, nel diventare buono e generoso. In poche parole questo libro è la descrizione tangibile dello spirito del Natale di cui parlavamo sopra.

Oltre ai libri oramai durante il Natale ci accompagnano i film a tema, tra cui varie trasposizioni cinematografiche proprio del libro di Dickens.

In particolare è molto intenso il film fantastico A Christmas Carol di Robert Zemeckis (regista anche di altri capolavori come Ritorno al futuro e Forrest Gump, per cui vincerà l’Oscar nel 1995).

Lo spirito di natale si può ritenere compiuto al meglio quando le nostre città o i nostri paesi si ricoprono di neve, poichè associamo in modo naturale quel soffice e candido manto bianco a quell’idea natalizia di purezza, gioia, semplicità e bontà tipiche del Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *