Come curare una storta alla caviglia

come Curare una Distorsione alla CavigliaQuando si pratica sport, soprattutto se si è alle prime armi, può capitare che uno sforzo fisico eccessivo o un esercizio compiuto male determini una storta alla caviglia. Si tratta di un infortunio molto comune tra gli sportivi che può costringere a rimanere a riposo per alcuni giorni, prima di poter tornare ad allenarsi. Sapere come curare una storta alla caviglia è importante per consentire alla caviglia di tornare nuovamente in salute e permetterle di sopportare il carico indotto dall’esercizio fisico. Inoltre conoscere questo particolare tipo di problema è utile per prevenire altri infortuni in futuro e continuare a praticare sport in sicurezza e benessere.

Distorsione alla caviglia: cos’è e perché avviene

L’articolazione della caviglia è la più soggetta a traumi e storte poiché continuamente sollecitata durante il movimento. Inoltre vista la sua posizione, si trova a dover reggere il peso dell’intero corpo. La distorsione è una perdita di rapporti articolari tra le ossa della gamba, denominate tibia e perone, e il primo osso del piede detto astragalo. Questo tipo di infortunio colpisce soprattutto gli sportivi e in particolare coloro che praticano: corsa, pallavolo e basket.

Alcuni fattori che predispongono maggiormente a prendere una storta alla caviglia sono:

  •  anomalie nella postura
  •  difficoltà muscolari
  •  alterazioni del piede, spesso di origine genetica
  •  scarpe non adatte
  •  terreni scivolosi, non lineari e sintetici
  •  scorretto appoggio del piede

Il sintomo principale di una storta alla caviglia è rappresentato dal dolore al piede che può irradiarsi fino alla gamba. La caviglia può apparire gonfia e tumefatta e creare difficoltà durante il normale movimento. Se non trattata adeguatamente, la storta può indebolire l’articolazione del piede, determinando instabilità nella postura. Per questo motivo è fondamentale mettere in pratica un trattamento corretto del disturbo, fino al pieno recupero del piede.

Come si cura una storta alla caviglia

Quando si prende una storta alla caviglia, la prima cosa da fare è liberarsi della calzatura indossata e mettersi a riposo. Può capitare che l’adrenalina sperimentata durante l’esercizio non faccia avvertire immediatamente il problema, mascherandone la gravita, tuttavia proseguire nello sforzo non farà che affaticare ulteriormente la caviglia, peggiorando l’infortunio. Dunque è preferibile sedersi e liberarsi di tutto ciò che possa comprimere il piede, permettendovi di valutare l’accaduto.

Nei minuti successivi che seguono la distorsione, bisogna applicare del ghiaccio sulla caviglia per circa venti minuti. L’operazione può essere ripetuta più volte, ad intervalli di almeno dieci minuti l’uno dall’altro. Fare attenzione a non mettere il ghiaccio direttamente a contatto con pelle ma avvolgerlo in un panno di cotone, per evitare ustioni da freddo. Durante l’applicazione, tenere il piede sollevato verso l’alto per favorire la discesa del sangue e prevenire gonfiori eccessivi. Infine è possibile effettuare una fasciatura sulla caviglia, per tenerla ferma ed impedire eventuali rotture.

Nel caso di dolore molto intenso e serie difficoltà a camminare, è consigliabile rivolgersi ad un medico del pronto soccorso che effettuerà gli accertamenti necessari per scongiurare eventuali fratture. Oltre al completo riposo, per facilitare la ripresa della caviglia, è possibile effettuare degli esercizi propriocettivi e di stretching che stimoleranno il risanamento dei tessuti lesionati. Per altre informazioni su come curare la storta alla caviglia, visitare il sito www.missbenessere.com .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *