I falsi pregiudizi sulle chiamate erotiche

Tutti hanno sicuramente sentito parlare di telefonate erotiche, ma sono pochi coloro che hanno avuto il coraggio di provare. Chi c’è riuscito ne è rimasto sempre soddisfatto, anche perché non si aspettava granché; la maggior parte degli uomini che prova a chiamare un numero erotico, lo fa semplicemente per curiosità e spesso butta giù il telefono imbarazzato.

Questo è un gravissimo errore! Basta lasciarsi andare e mettere da parte i pregiudizi per rendersi conto che una telefonata erotica è molto meglio di una masturbazione solitaria e di una scopata a pagamento.

E’ la somma di entrambe le cose, perché mette insieme il piacere di una goduta secondo i propri gusti spendendo meno soldi senza sentirsi frustrati dalla solitudine di essere in compagnia solo della propria mano. Oltretutto con una prostituta c’è rischio di non rimanere soddisfatti, perché è pur sempre una persona e non una bambola gonfiabile che fa quello che uno vuole.

Le signorine che rispondono al telefono sono vere vacche esperte di ogni perversione e capiscono al volo quali sono i gusti dell’interlocutore. Non bisogna sentirsi in imbarazzo, perché loro sono capaci di mettere a proprio agio anche il più timido ed inesperto dei nerd che non abbia mai toccato una donna in vita sua.

Rompere il ghiaccio è semplice e la prima cosa da fare è avere qualche informazione sull’aspetto fisico della donna con la quale si sta parlando. È importante sapere se è nuda, vestita o con della lingerie sexy e questo dipende dai gusti, che sono diversi per ogni uomo.

Le puttane si vestono come vogliono e sono anche più costose; per dei servizietti particolari pretendono cifre esorbitanti, mentre le signorine al telefono sono disposte a tutto e lo fanno volentieri.

La cosa più intrigante delle telefonate erotiche è quella di iniziare vestiti e poi spogliarsi insieme piano piano. È bello dire la verità e sfogarsi apertamente, però anche se uno si trova in ciabatte e non si lava da una settimana può inventarsi di essere un manager in giacca e cravatta e sentire dall’altra parte della cornetta i gemiti della ragazza eccitata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *