Le migliori cose da vedere in vacanza su Ischia

Ischia, famosa fin dai tempi più antichi per le acque termali e per la ricchezza della sua terra che produce rigogliosi vigneti, incanta i visitatori già al momento dell’approdo presso il porto, dove spiccano le pittoresche case dei pescatori e la Chiesa dell’Assunta. Sarebbe riduttivo elogiare Ischia solo per le sue spiagge e per l’incantevole mare, dal momento che ci si rende ben presto conto che essa ha molto di più da offrire, a cominciare dai borghi antichi per concludere con il verde e rigoglioso entroterra.

I borghi di Ischia, bellezza senza tempo

Sull’isola sono presenti sei comuni ( Ischia, Forio, Barano, Casamicciola, Lacco Ameno e Serrara Fontana) ognuno dei quali può raccontare una lunga storia, da leggere sulle case antiche e lungo gli stretti e tortuosi vicoli caratteristici di questa terra. Poco lontano dal porto, si trova Ischia Ponte dove sono ubicati il Museo del Mare ed il monumento che simboleggia tutta l’isola, ovvero il Castello aragonese. Si tratta di una costruzione risalente al 1400, imponente e massiccia con bastioni, chiese, conventi, carceri e piazze, collegata tramite un ponte al resto dell’isola. Dalle sue terrazze si gode di una splendida vista sul golfo, un itinerario, quindi, da non tralasciare assolutamente. Inoltre il comune di Ischia è la parte più vivace e mondana dell’isola, quindi adatta per trascorrere serate nei locali e nei ristoranti alla moda. Lacco Ameno è il comune noto per la presenza di acque termali con stabilimenti adatti alle cure ed al benessere fisico. Da segnalare, in particolare, il Negombo, parco termale molto noto e ben attrezzato dove sarà possibile trascorre una giornata di completo relax. Si consiglia, tuttavia, anche una visita al Museo archeologico Pithecusae che conserva le testimonianze dei primi insediamenti greci sul territorio. Da ammirare, nello specifico, la coppa di Nestore risalente al 750 a.C. con antichissime iscrizioni greche. Lacco Ameno è caratteristico anche per la presenza, in mezzo al mare, di un enorme masso a forma di fungo, peculiarità che attira numerosi turisti. Il terzo comune, Forio, può essere senza dubbio annoverato tra i luoghi più pittoreschi di Ischia. Esso conserva intatto il centro storico con i vicoli, le piccole chiese e le torri di avvistamento. Proprio a Forio si trova la villa di Luchino Visconti, la Colombaia, ora divenuta un museo dedicato al regista. Una visita alla terrazza panoramica della Chiesa del Soccorso vi regalerà uno spettacolo unico. Vicino a Serrara Fontana, poi, si trova un incantevole borgo di pescatori, forse il più rappresentativo dell’isola, Sant’Angelo d’Ischia, reso ancora più particolare da fatto di sorgere su uno scoglio collegato solo da una lingua di terra al resto dell’isola. Ci si può perdere girovagando tra le sue stradine e cercando di catturare con lo sguardo prima e poi con la macchina fotografica ogni minimo particolare. Molto singolari in questa zona sono le fumarole, ovvero le nuvole di vapore che si alzano dalla sabbia bollente a testimoniare l’intensa attività geotermica della zona.

Il giardino incantato di Ischia

Così può essere definito, infatti, il giardino della Mortella, capolavoro creato da Susan, moglie del musicista William Walton e grazie al genio ed all’estro dell’architetto Russell Page. Una giornata dedicata alla sua visita vi regalerà dei momenti di pura comunione con l’ambiente e con la bellezza. In esso vi si trovano oltre tremila specie di piante portate ad Ischia da ogni parte del mondo. Specie rare, orchidee, papiri e ninfee si possono ammirare passeggiando nei suoi viali, come se si attraversassero i continenti in un viaggio ideale fra la loro natura. Da segnalare, poi, la sala Thai con piante tipicamente orientali ed il Teatro greco, che si affaccia sul mare e rappresenta un luogo particolarmente piacevole per ascoltare concerti all’aperto.

MS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *