Intrattenimento al telefono

I racconti di slave sono perfetti per chi si eccita pensando alla dominazione e alla sottomissione in tutte le loro sfaccettature. Nella maggior parte dei casi, le storie hanno a che fare con situazioni imbarazzanti, che mettono a disagio o che umiliano in tutti i sensi chi le subisce: proprio chi le subisce, però, desidera patirle, e anzi prova uno straordinario piacere nel farvi fronte. Che si tratti di uomini o di donne, poco cambia, anche se le umiliazioni possono essere di vario genere: si può trattare di rimanere nudi in mezzo ad altre persone o di farsi calpestare da una donna con i tacchi, ma anche di farsi mettere un guinzaglio attorno al collo o di eseguire tutti gli ordini provenienti da una coppia.

Le fragranze e i sapori della pelle vengono resi alla perfezione nei racconti di slave, che vanno a indagare e a illustrare rapporti sui generis, senza dubbio fuori dal comune ma proprio per questo motivo ancora più provocanti e sensuali. Sono molte le persone che arrivano all’orgasmo nel momento in cui provano dolore, il quale può provenire da schiaffi su glutei o da vere e proprie frustate, ma anche da altre attività sadiche. Non manca chi ama farsi bruciare con la fiamma di un accendino o chi si diletta con la cera bollente di una candela sulla propria pelle.

E non importa se il giorno successivo si sarà costretti, sul posto di lavoro, a nascondere i segni delle bruciature, le tracce delle scottature e i lividi rimediati: anzi, proprio tutte quelle impronte saranno dei trofei da sfoggiare, perché frutto di un piacere intenso ed estremo, accentuato da morsi sulla pelle e mille altre fantasie che si sono concretizzate, magari in compagnia di sconosciuti di cui non si è mai nemmeno vista la forma del volto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *